- defcomm

LIONHEART !

nel film Lionheart (1990) JCVD interpreta il ruolo di un Legionario Paracadutista che di stanza a Gibuti (13eme DBLE) diserta per andare in soccorso al fratello mezzo ammazzato negli USA da una gang di malavitosi,ove per mantenersi,entrerà nel giro dei combattimenti clandestini.

questa trama che sembra figlia della fantasia di uno sceneggiatore,sembra invece ispirata alla vita reale di Dominiquie Vandenberg;(cognome simile a quello vero di JCVD ossia Varenberg) anche lui nativo del Belgio e poi,dall'età di 16 anni in giro per il mondo,con la mimetica belga prima e della Legione Straniera dopo, continuando a combattere nella MUAY THAI in sud est asiatico una volta congedatosi,così come negli incontri clandestini.

la prima volta che avevo sentito parlare di questo Vandenberg, era stato in una specie di bar in sud est asiatico pieno di ex-qualcosa; in particolare si raccontava di quando essendo lui di stanza a Calvi (Corsica) ogni volta che si allenava sulla spiaggiafuori servizio,incontrando il Comandante del 2eme Rep,ques to gli ordinasse sempre di eseguire qualche calcio acrobatico o spaccata alla Van Damme..

una volta congedatosi,dopo l'Asia la sua esperienza di combattente a tempo pieno lo porta poi negli USA ove si distingue nell'ambiente del cinema...

nel film Gangs of New York la fight coreography è sua come l'addestramento degli attori,tra i quali Leonardo Di Caprio.

il resto è ancora da scrivere, la prima parte della vita di D. Vandenberg la si può leggere invece nel suo libro THE IRON CIRCLE !

 

copyright by Defcon

 

defcomm defcon commentaries

raccolta appunti tattici by defcon

 

GRUPPO OPERATIVO INCURSORI

quelli del Varignano...

la tecnica militare dell'incursione sia navale che terrestre è totalmente made in Italy, fin dalle leggendarie gesta che sulle alture del Grappa come sulle acque antistanti all'isola di Premuda segnarono dalla 1GM una autentica rivoluzione nel concepire il modo di combattere; pochi uomini scelti, sceltissimi con capacità psicofisiche fuori dal comune e dotati di un CORAGGIO che spesso -molto spesso- sconfinava nelle temerarietà;pochi uomini in grado da soli di rovesciare l'esito di tutta una battaglia.

interessante notare che il nostro Paese oltre ad aver dato i natali ai primi Reparti Speciali del pianeta, li aveva dotati di munizionamento e mezzi assolutamente all'avanguardia per quei tempi;

i petardi THEVENOT (di invenzione francese ma prodotti su licenza anche in Italia) in una versione erano un pò l'equivalente delle FLASH BANG usate ai nostri giorni da ireparti SWAT: poca capacità offensiva accompagnata da un rumore fortissimo ed una luce accecante,per assordare ed accecare il nemico prima dell'incursione nella sua trincea.

i Reparti Speciali italiani facevano così paura....che alla fine della 2GM furono VIETATI dai trattati (rimasti in vigore fino ai primi anni 50)...ma complici degli Ammiragli con i contro attributi..furono clandestinamente e giustamente costituiti sotto le insegne ufficiali degli uomini GAMMA.

il profondo rispetto per la preparazione ed il coraggio dei nostri ARDIN fece sì che furono chiamati in Israele per diventare i primi istruttori dello shayetet 13 (flottiglia 13)...in poche parole i loro NAVY SEALs !

bellssima l'immagine di questo Incursore del GOI con il tipico basco verde ed il fregio leggermente portato centrale; questa modo è sempre stato tratto caratteristico dei Reparti Speciali,come omaggio ai loro Padri che così lo portavano nella 2GM.

il basco verde del GOI,non è un basco come un altro;
la consegna del medesimo al neo-incursore è caratterizzata da una suggestiva cerimonia che premia i pochi che riescono a non essere scartati dal superselettivo corso: l'Elite.

 

copyright by Defcon

 

 

 

BANGKOK BOMB 2015

attentato nella sua drammaticità abbastanza anomalo, a mio personalissimo parere.

conosco molto bene quel tempietto,ed in particolare la panchina sotto la quale è stata posta la bomba (questa foto è stata scattata proprio seduto su quella panchina, la prima a sinistra entrando),che pur avendo una certa aliquota di turisti stranieri, è soprattutto frequentato da Thailandesi,visto la particolare importanza dal punto di vista Religioso del sito,oppure da altri Asiatici.

se si avesse voluto colpire un obiettivo frequentato da stranieri occidentali,pochi metri prima vi è un Mc Donalds, posto alla base di un centro commerciale,dove la stessa bomba (posta in un luogo chuso peraltro) avrebbe probabilmente causato un numero ancora più elevato di morti;

questo secondo una prima tesi che vorrebbe attribuire a questo attentato lo scopo di colpire l'economia legata al turismo,magari di matrice islamica;

nel sud della Thailandia vi è circa un milione di musulmani Thailandesi (in un Paese a maggioranza Buddhista) che qualche problema e rivendicazione la creano,senza avere tuttavia quell'odio profondo verso gli "infedeli" riscontrabile invece in Medio-Oriente.

in attesa si saperne di più,potrebbe essersi forse trattato di un ordigno esploso accidentalmente,magari in attesa di essere consegnato a qualcun altro;

la Security posta all'interno del Tempio è composta da poche persone disarmate e non particolarmente reattive da quello che personalmente ho potuto constatare; si può entrare tranquillamente con qualsiasi borsa o zaino senza venire controllati.

tutte ovviamente congetture personali ed assolutamente opinabili.

 

copyright by Defcon

 

in memoriam: Emilio They (1939-2000)

Ten.Parac. EMILIO THEY

- "farai bene a prestare attenzione a quello che dico,visto che la tua primaria fonte ufficiale di informazioni è la rubrica "non tutti sanno che" sulla Settimana Enigmistica" ! -

queste le perentorie parole rivolte molti anni fa ad una allieva paracadutista dal mitico Emilio They,da qualche parte in giro per il mondo,ispirate da una esperienza di Vita che trovava anche sulle Sue nerborute braccia traccia visiva con numerosi tattoos riportanti innumerevoli brevetti di lancio.

"Emilio They.(Parma, 1939-Milano, 2000) ricercatore e sportivo. Laureato in biologia collaborò con il CNR. Lavorò con il ricercatore Jacques Costeau a Marsiglia. Arruolatosi nella Legione fu incorporato nel 2° REP a Bonifacio in Corsica. Insegnante di educazione fisica a Milano, vinse come allenatore due titoli italiani di football americano"

queste le stringate parole di presentazione del They tratte dal web, le quali dimenticano peraltro i ben quattro anni di servizio come Ufficiale Para' nella FOLGORE.

pregevolissimo invece questo ricordo tratto dalla pagina FB a Lui dedicata,a firma di Marco Neri:

" Sul letto, immobile e sereno, con indosso la tuta da allenamento, manca solo la bandana da battaglia. Sembra il riposo del guerriero, la pausa prima della battaglia, una delle tante da te combattute nella tua vita degna di un romanzo d’avventura. Eppure non è così, è la tua pira funeraria, il condottiero con l’armatura da guerra che si accinge al suo ultimo viaggio con intorno i suoi fedeli. L’ultimo lancio, l’ultima serie terrena prima di riprendere l’allenamento in cielo. Questo non so non so se avverrà nel paradiso cristiano o nel Walhalla mitologico, non so se le Valchirie ti porteranno nel paradiso degli eroi di Asgard; sono però certo che lassù incontrerai tanti amici che ti hanno preceduto, amici con i quali potrai condividere le tue passioni ed ai quali potrai trasmettere indimenticabili emozioni. In ognuno di noi, ogni volta che saremo in palestra o su di un campo di atletica, oppure mentre faremo lezione a “giovani fertili menti”, sarà presente una parte di te, della tua didattica delle tue “scorbutiche” manie, delle tue tenerissime passioni e dei tuoi avvincenti ricordi……………… ……………………E’ freddo questo giorno di febbraio, metto altra legna sul caminetto eppure il gelo non si placa, è il freddo dato da un senso di solitudine, la solitudine scaturita dalla morte di una persona cara, di un amico, di un punto di riferimento con cui si sono condivisi momenti indimenticabili che hanno scandito una fase importante della mia vita. Chiudo gli occhi e rivedo un cinema di periferia dove si svolge una delle tante gare di sollevamento pesi degli anni 70. Da quel momento ogni mio passo nel campo dello sport è stato mosso vedendo in Emilio They la figura tecnica di riferimento; sul mio primo diploma di istruttore c’è la sua firma ed miei esami è stato dato con lui. Per tutti i tecnici della mia generazione Emilio è una figura coerente che pure senza mai rinunciare alla ricerca e alla ricerca scientifica per oltre 40 anni è rimasto fedele alla passione verso ogni tipo di sport dall’atletica al Body Building, dal Rugby al paracadutismo ecc ecc . Nella cerimonia funebre il capo sezione dei parà ha detto che Emilio era un lupo, capace di vivere ed animare il branco ma che necessitava anche di solitudine e meditazione. Emilio era tutto ed il contrario di tutto, poteva essere antipatico o venerato, in nessun caso indifferente. Emilio per molti parà (ma per tutti gli sportivi che lo hanno conosciuto) ha rappresentato tutto quello che si sarebbe voluto essere e che non abbiamo il coraggio di fare; senza compromessi, senza fare borghese, senza ipocrisia e sudditanza. Il silenzio militare riempie il cimitero di Lambrate, il picchetto d’onore formato da veterani del “Col Moschin” è venuto da tutta Italia solo per te. Il cuore trabocca di emozioni e le lacrime non possono essere trattenute, in molti rimpiangono di non avergli detto tante cose, in molti si accorgono che da Lui hanno imparato sia concetti tecnici ma altrettanti valori umani e artistici. Fra le tante cose che mi hai imparato ci sono concetti che non mi lasceranno mai, fra questi ricordo sempre ad i miei allievi che “nella vita la teoria senza pratica è una sciocchezza, ma la pratica senza teoria è un’utopia”……..”lo sport è la rapprentazione della vita, occorre imparare che per ottenere occorre dare; ciascuno per ciò che può, ma senza questo sacrificio non c’è miglioramento, non c’è evoluzione”, oppure, per scansare il campo da ogni esagerazione e sdrammatizzare la tensione degli “aspiranti campioni: “ Lo sport è una parte importante della vita ma non è la vita”. Mentre penso a queste cose in tanti prendono la parola per raccontare il loro Emilio, ne esce una figura incredibile che spazia dall’educazione del tuo titolo nobiliare alla carriera militare, dagli studi di biologia, dalla Legione Straniera alle ricerche con il CNR, alla vita passata in grandi capitali europee e alla grande esperienza storica come etruscologo, dalla bravura come organista allo scrittore autore di bellissimi testi sulla mitologia nordica. L’Emilio che non ha mai voluto la patente per l’auto, ha solo quella per la moto (i guerrieri vanno a cavallo…..) ; l’Emilio degli incredibili incidenti a tutte le età (l’ultimo a 63 annI), incidenti in moto, in palestra, in montagna, a cavallo; ogni volta dato per spacciato o per menomato ed ogni volta rinato come l’araba fenice in barba ad ogni diagnosi e qualsiasi statistica. Anche questo ci aveva fatto credere che eri immortale………. La cosa incredibile e che anche chi pensava di conoscerti bene si accorge che in realtà ti aveva solo “scoperto in superficie” e anche i tuoi famigliari sono stupiti di tutte le storie ed aneddoti che vengono raccontate. Personalmente anche io ho voluto “parlarti” e ti ho dedicato dei versi liberamente tratti ed ispirati da “Manuale del guerriero della luce” di Paolo Choelo. Il guerriero della luce ha in se la scintilla del divino. Il suo destino è quello di stare con gli altri guerrieri, ma ha volte ha il bisogno di praticare solitario ed in meditazione l’arte della spada e della conoscenza. Perciò ,quando è separato dai compagni, s’illumina come una stella che con la sua purezza e la sua coerenza influenza le persone che l’incontrano. Illumina quella parte dell’universo che gli è stata assegnata da esplorare e divulgare, tenta di mostrare galassie e mondi a coloro che vorrebbero guardare il cielo ma ancora non ne sono capaci. La perseveranza e la rettitudine del guerriero saranno premiate. A poco a poco le persone si avvicineranno a lui ed a loro volta capiranno e vorranno diventare guerrieri della luce iniziando a percorrerne la strada. Incontrarlo è un privilegio che avvicina alla verità. La sua potenza entra e vive in tutti coloro che ne suono riusciti ad assorbire l’energia; un’energia che nasce dalla consapevolezza delle debolezze umane e contemporaneamente dalla loro forza. Il guerriero della luce ha appreso che Dio si serve della solitudine per insegnare la convivenza. Si serve della rabbia e del tedio per insegnare l’importanza dell’avventura e delle emozioni. Il guerriero sa anche che il silenzio è un insegnamento sulla responsabilità delle parole; che la malattia fa comprendere il valore della salute e che il fuoco può dare una lezione sull’acqua. Ma, sopra ad ogni altra cosa, sa che la morte si può confondere con la vita, questo perché non c’è vera morte per il guerriero della luce. Ora Emilio, ora ti lasciamo, Il colonnello ha gridato il tuo nome e tutta la brigata ha urlato PRESENTE! Le tue ceneri saranno disperse in volo durante un lancio sul tuo amato appennino tosco-romagnolo. Cercheremo di ricordarti come avresti voluto, nel bar, dopo la cerimonia, ci guardiamo in viso, ti sentiamo presente, sono le 5 del pomeriggio ma ordiniamo una bottiglia, il brindisi per un amico, come ci avevi detto di fare tu, senza tristezza e con l’allegria del sentendosi uniti per sempre uniti da tante passioni comuni. Una volta, durante un viaggio in macchina, mentre il sole tramontava e mi raccontavi incredibili storie, mi hai detto di essere soddisfatto, avevi avuto una vita meravigliosa e neppure per un attimo ti eri annoiato; nella speranza di essere stato utile alle persone che hai incontrato (tu non sai neppure quanto) ti sarebbe dispiaciuto rovinare tutto con una vecchiaia portatrice di invadente pedanteria…. Addio Capitano e maestro, cercherò di mantenere intatto lo spirito e la curiosità senza presunzioni così come hai cercato di trasmettermi." (Marco Neri)



dalla pagina facebook di Defcon